Martedi, 21 Agosto 2018
Loading feeds...

Custom Logo Design

I dati preliminari sul Pil dell’Eurozona del primo trimestre 2017 non hanno evidenziato segnali di rallentamento dell’attività, nonostante l’aumento dell’inflazione. L’economia dell’Eurozona ha messo a segno un inizio d’anno solido nel 2017, con il Pil salito dello 0,5% t/t nei primi tre mesi dell’anno, in linea con il trimestre precedente e con il consenso.

Published in OPINIONI

Il Gruppo ha chiuso il primo trimestre 2017 con proventi e utili in crescita rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, rafforzando al contempo la propria posizione patrimoniale Variazioni tendenziali nel primo trimestre 2017 (variazione congiunturale1, 2)
Proventi operativi1: +7%, +6% in valuta locale (-5%, -6% in valuta locale) Costi totali2: +6%, +5% in valuta locale (-6%, -6% in valuta locale) Utile operativo1, 2: +10%, +8% in valuta locale (-3%, -4% in valuta locale) Cet1 capital ratio: 18,8% da 16,7% (+40pb da 18,4%) Cost/Income ratio1, 2: stabile al 51% (stabile al 51%) Coefficiente perdite su prestiti: 14pb da 13pb (-2 pb da 16pb) RoE1, 2: 10,3%, da 10,1% (-260pb da 12,9%) Diluted Eps: 0,21 euro da 0,19 euro (0,21 euro da 0,25 euro)
Casper von Koskull, CEO di Nordea commenta: Dal 2009 stiamo assistendo a un contesto di crescita debole ma stabile, dominato da tassi di interesse costantemente bassi. Da inizio anno, inoltre, siamo testimoni di una ripresa a livello globale che sta guadagnando vigore e diventando maggiormente sincronizzata, nonostante il permanere di un elevato rischio geopolitico. Per quanto riguarda i nostri risultati, il miglioramento dell’income momentum si è riflesso in un aumento del 6% dei proventi totali rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, grazie all’apporto positivo dei ricavi da commissione (+12% in valuta locale), mentre il margine di interesse è rimasto invariato nonostante un giorno lavorativo in meno e il rialzo della resolution fee (il contributo da versare al fondo di risoluzione).
Il patrimonio gestito, alla luce di una solida performance, ha inoltre toccato un nuovo record raggiungendo i 330,1 miliardi di euro. In aumento del 5% rispetto ai primi tre mesi del 2016 anche i costi, oneri legati ai progetti del gruppo e alla divisione compliance e rischi, mentre ci sono stati buoni progressi nei nostri programmi di investimento. La qualità del credito si è confermata solida e le perdite sui crediti sono rimaste stabili a 14 punti base. La situazione patrimoniale, infine, ha continuato a rafforzarsi, con il Common Equity Tier 1 salito dal 18,4% di fine dicembre al 18,8%.

Published in PROMOTORI & CONSULENTI

‘Risparmio, investimenti, politiche di sviluppo’: la plenaria che chiude il Salone del Risparmio accende i riflettori sulle possibilità di crescita per il Paese. A fotografare lo scenario attuale è stato Guido Tabellini, Docente ordinario di Economia dell'Università Bocconi di Milano.

Published in ECO PRIMO PIANO

Candriam Investors Group, multi-specialista pan-europeo della gestione patrimoniale con 102 miliardi di euro di masse in gestione e detenuto da New York Life Investment Management (NYLIM), pubblica oggi i risultati e le performance relativi al 2016.

Published in PROMOTORI & CONSULENTI

Le aziende considerate come a “crescita sicura” potrebbero finire fuori dai riflettori a causa delle inversioni di rotta nel mercato azionario USA, dopo un periodo di significativi guadagni per le società di e-commerce e le azioni di altre aziende attive nel settore internet, secondo ClearBridge Investments, affiliata del Gruppo Legg Mason.

Published in Mercati

Dopo i segnali più positivi provenienti dalle principali indagini sullo stato di salute delle imprese negli ultimi mesi, i dati ufficiali hanno confermato oggi (31 gennaio 2017) che l’economia dell’Eurozona continua a rafforzarsi.

Published in ECONOMIA

“L’aumento dei rendimenti statunitensi può causare danni collaterali nella periferia dell’Eurozona, dove la crescita nominale è rimasta debole e il debito è alto, come nel caso dell’Italia”. E’ questa l’analisi di Yves Longchamp, Head of Research di ETHENEA Independent Investors (Schweiz) AG.

Published in ECO PRIMO PIANO

La crescita globale è pronta ad accelerare nel 2017, grazie alla spinta proveniente dagli Stati Uniti e alla ripresa dei Mercati Emergenti, con i principali rischi derivanti da un ulteriore potenziale rialzo dell’inflazione – e dai suoi effetti sul percorso dei tassi di interesse – e, ancora una volta, dalle dinamiche politiche europee.

Published in ECO HIGHLIGHT
Mercoledì, 11 Gennaio 2017 17:57

Ipo, buone prospettive di crescita per il mercato

La fiducia degli investitori è stata messa a dura prova nel 2016 da un’incertezza politica ed economica accresciuta a livello globale. Di conseguenza, il numero di IPO nel 2016 è sceso del 16% su base annua a 1.055 operazioni. Il capitale raccolto è calato del 33%, toccando quota 132.5 miliardi US$.

Published in Mercati

Per il 2017 è prevista una crescita media delle retribuzioni del 2,5%, un trend che accomuna dirigenti, middle management, tecnici e personale di funzioni di supporto. A beneficiare di questa crescita sarà però una fascia ristretta del management:

Published in ECONOMIA

Testata registrata al tribunale di Milano, N. 40 del 14/02/2014
Direttore responsabile: Gabriele Petrucciani
Copyright © 2013 Brave Editori Srl - Tutti i diritti riservati

 

Chi siamo - Contatti - Privacy - Disclaimer - Condizioni