Lunedi, 24 Settembre 2018
Loading feeds...

Custom Logo Design

È diventata ormai la norma per gli investitori azionari valutare una società sulla base dei criteri ambientali, sociali e di governance (ESG). Ultimamente, l’analisi ESG sta iniziando a ottenere un certo seguito anche nel mercato del reddito fisso.

Published in MERC HIGHLIGHT

Pictet Asset Management - la divisione di asset management del Gruppo Pictet, aggiunge una nuova strategia azionaria globale alla sua linea di fondi tematici a gestione attiva da USD 42 miliardi1. Il fondo tematico Pictet-SmartCity, conforme alla normativa UCITS,

Published in Fondi

Il protezionismo torna a dominare la scena macroeconomica, mentre si fa strada la possibilità che i tassi reali Usa non andranno oltre lo 0,5% in un biennio. Due elementi destinati a influenzare il modo in cui dovranno essere strutturati i portafogli nelle prossime settimane.

Published in OPINIONI

Ancora non si sa se l'economia statunitense stia correndo verso un dirupo. Se anche fosse, ci vorrà del tempo. Difficile che si arrivi alla resa dei conti prima di 12-18 mesi, almeno. Ne è convinto di Patrick Zweifel, Chief Economist e Steve Donzé, Senior Macro Strategist di Pictet Asset Management.

Published in OPINIONI

Nella guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina non ci sarà nessun vincitore. Perderanno tutti. Ne è convinto Luca Paolini, chief strategist di Pictet Asset management, convinto, in base a calcoli condotti internamente (per un approfondimento è possibile cliccare qui), che una guerra commerciale su vasta scala porterà l'economia globale nella stagflazione e determinerà un forte calo dell’azionario mondiale.

Published in ECONOMIA

Il mercato delle obbligazioni cinesi onshore denominate in renminbi rappresenta una classe di attivi emergenti di rilievo globale. Il mercato cinese delle obbligazioni onshore denominate in renminbi sta acquistando importanza e si sta aprendo rapidamente. Si tratta di sviluppi che gli investitori non possono permettersi di ignorare.

Published in OBB HIGHLIGHT

Di seguito pubblichiamo il Barometro di giugno sui mercati e sull’asset allocation a cura della Strategy Unit di Pictet Asset Management. È stato un mese difficile per gli investitori. Dalla crisi politica italiana alle tensioni commerciali latenti tra USA e Cina, per non parlare delle brusche vendite massicce su alcune valute dei Mercati Emergenti, i motivi di preoccupazione non sono mancati.

Published in MERC HIGHLIGHT

La crisi politica italiana ha avuto importanti conseguenze, diventando una slavina che travolge BTP e borsa italiana: lo spread, dopo aver superato quota 300bp, rientra in seguito alla formazione di un esecutivo politico a guida M5s-Lega. In assenza di un cambio di rotta da parte della politica italiana, l’Italia non può contare sulla solidarietà di altri paesi e istituzioni comunitarie come la BCE.

Il quadro macroeconomico segnala un nuovo deterioramento macro in Europa, a fronte di dati USA che si confermano solidi nella creazione di posti di lavori e indicatori prospettici di crescita. I rendimenti sul decennale USA dovrebbero quindi stabilizzarsi intorno al 3%, in assenza di sorprese provenienti da prezzi delle materie prime.
Il meeting della FED di inizio giugno, scontato il rialzo dei tassi d’interesse di 25 punti base, potrebbe però offrire l’indicazione di un rialzo aggiuntivo oltre a quelli già indicati (4 totali nel 2018) motivato da un’economia che viaggia su ritmi di crescita superiori al 4% sul secondo trimestre. Draghi nel corso dell’ultima riunione della BCE è riuscito a tirar fuori l’ultima colomba da un cappello di sorprese di politica monetaria ormai vuoto.
La decisione di concludere il programma a fine 2018 dopo 3 mesi di acquisti da €15miliardi/mese era prevista, tuttavia, il riferimento all’unanimità della decisione del consiglio direttivo e l’enfasi riposta nel sottolineare che il primo rialzo dei tassi avverrà dopo la fine dell’estate del 2019 ha rassicurato gli investitori a reddito fisso.
STRATEGIA
Sul fronte azionario manteniamo un atteggiamento prudenziale su asset europei in quanto riteniamo che le turbolenze politiche italiane debbano ancora essere tradotte in premi di rischio più elevati. Pensiamo che la fase di rafforzamento tattico del dollaro sia prossima ad esaurimento, pertanto torniamo ad avere una visione positiva sui mercati emergenti (a partire dalla Cina). Per quanto riguarda la composizione settoriale privilegiamo finanziari, energia e healthcare, e preferiamo le small cap USA alle large cap.

di Andrea Delitala, Head of Investment Advisory di Pictet Asset Management e Marco Piersimoni, Senior Portfolio Manager di Pictet Asset Management

Published in MERC HIGHLIGHT

Come anticipato da diversi membri del direttorio ECB la settimana passata, la comunicazione sulle modalità e sul termine del programma di QE è stata annunciata oggi da parte della Bce di Mario Draghi. Nonostante i dati macro non abbiano offerto certezze nelle settimane recenti:

Published in ECO PRIMO PIANO

Pictet Asset Management, il precursore dei megatrend, identifica oggi nel concetto dell’healty living uno dei temi più interessanti tra quelli che trasformeranno il mondo di domani e che rappresentano anche buone opportunità per gli investitori, in un contesto di mercato caratterizzato da sempre maggiore incertezza e da una ritrovata volatilità.

Published in OPINIONI
Pagina 1 di 9

Testata registrata al tribunale di Milano, N. 40 del 14/02/2014
Direttore responsabile: Gabriele Petrucciani
Copyright © 2013 Brave Editori Srl - Tutti i diritti riservati

 

Chi siamo - Contatti - Privacy - Disclaimer - Condizioni