Martedi, 21 Agosto 2018
Loading feeds...

Custom Logo Design

I rischi geopolitici che stiamo affrontando in questo momento affondano verosimilmente le loro radici nella seconda ondata di globalizzazione, dovuta in parte al crollo dei costi delle comunicazioni e all’innovazione digitale. La caduta del muro di Berlino e l’ascesa della Cina hanno avuto parte in tutto questo, con la progressiva liberalizzazione del sistema commerciale globale.

Published in ECO HIGHLIGHT

Abbiamo una view moderatamente ottimista sul petrolio, motivata dai cambiamenti che hanno influito sull’equilibrio tra domanda e offerta a livello globale, creando un contesto di deficit. Crediamo tuttavia che la pressione esercitata dai grandi importatori spingerà l’Arabia Saudita ad aumentare la produzione.

Published in ECO PRIMO PIANO

L’industria dell’auto si trova a un punto di svolta. Con la lenta transizione dall’era del motore a combustione interna alla prossima generazione di automobili, ci aspettiamo una ricaduta significativa sulla domanda di metalli utilizzati nelle batterie dei veicoli elettrici.

Published in ECO HIGHLIGHT

Dopo le turbolenze di maggio e giugno, la fase luglio/inizio agosto potrebbe rappresentare una temporanea fase di stabilizzazione che potrebbe comportare il rientro di parte dei movimenti visti in precedenza. L’attesa è per un ritorno dell’euro in area 1,19, a fronte di rialzo dei tassi sulla parte a lungo termine soprattutto del comparto tedesco.

Published in MERC HIGHLIGHT

Dall’inizio dell’anno, la geopolitica, il timore di una guerra commerciale, la correzione dell’obbligazionario americano e le vicissitudini politiche italiane sono stati i principali driver del mercato. I dati economici, nel complesso positivi nonostante qualche segnale di rallentamento nell’eurozona, e i forti risultati delle trimestrali sono rimasti per ora solo sullo sfondo.

Published in Mercati

L’impatto delle tariffe del 25% imposte dagli Stati Uniti su $ 50 miliardi di importazioni dalla Cina (introdotte dal 6 luglio) potrebbe essere quello di ridurre la crescita del PIL cinese dello 0,1%, sarebbe quindi piuttosto irrilevante. La recente retorica su ulteriori $ 200 miliardi,

Published in OPINIONI

Gli Stati Uniti sembrano intenzionati a condurre una guerra commerciale con il resto del mondo. Alcuni Paesi stanno adottando misure di rappresaglia, ma non prevediamo che molte economie finiranno per trascinarsi lungo la strada del protezionismo. Il commercio mondiale ne uscirà danneggiato, ma l'effetto domino sulla crescita economica globale dovrebbe restare contenuto.

Published in MERC PRIMO PIANO
Giovedì, 05 Luglio 2018 16:25

Petrolio, una lunga estate calda

A nostro avviso, quest’estate i prezzi del petrolio toccheranno i massimi livelli raggiunti da diversi anni a questa parte, spinti dalle sanzioni politiche e dalla riduzione delle scorte e delle giacenze. Anche la richiesta di greggio resta solida, con l'Agenzia Internazionale per l'Energia (IEA) che prevede una domanda globale in crescita di 1,4 milioni di barili al giorno (mbd) per quest'anno e per il prossimo.

Published in ECONOMIA

Nonostante le divergenze tra i membri dell’OPEC e un gruppo di Paesi non OPEC, il vertice del 22 giugno ha segnato il raggiungimento di un accordo su un aumento della produzione di petrolio pari a 1 milione di barili al giorno. In realtà, l'accordo, di fatto, porterà a un incremento della produzione giornaliera di circa 700 mila barili,

Published in ECO HIGHLIGHT

A dispetto delle tensioni in corso tra USA e Cina, DWS non si aspetta un inasprimento dei conflitti commerciali e quindi prevede che l’economia globale continuerà a crescere nei prossimi dodici mesi. “Finora i mercati hanno scontato solo le tensioni e non una vera e propria guerra commerciale".

Published in OBB HIGHLIGHT
Pagina 1 di 14

Testata registrata al tribunale di Milano, N. 40 del 14/02/2014
Direttore responsabile: Gabriele Petrucciani
Copyright © 2013 Brave Editori Srl - Tutti i diritti riservati

 

Chi siamo - Contatti - Privacy - Disclaimer - Condizioni