Lunedi, 24 Settembre 2018
Loading feeds...

Custom Logo Design

Se Berlusconi se ne va...

Scritto da Lunedì, 23 Settembre 2013 12:47

La vita politica di Silvio Berlusconi è sul viale del tramonto, ma i politici italiani dovranno lavorare duramente prima di riuscire a tagliare definitivamente i ponti con l’ex premier. Tuttavia ritengo che le pressioni volte a espellere dal Senato l’ex Presidente del Consiglio potrebbero scatenare una reazione a catena per il Paese.

Chi ha paura della Fed?

Scritto da Martedì, 17 Settembre 2013 15:25

Dopo 10 anni spesi a tagliare i tassi di interesse, i mercati finanziari hanno ricevuto il segnale che, a un certo punto, le banche centrali potrebbero passare a una fase di "stretta monetaria".

La rivincita dei Nerd

Scritto da Martedì, 10 Settembre 2013 16:42

Quest’anno gli investitori si sono goduti le vacanze senza doversi preoccupare eccessivamente. Questo non vuol dire che non sia accaduto nulla dal punto di vista dei mercati. Anzi, abbiamo registrato interessanti sviluppi che hanno creato spazio per inserire in portafoglio alcuni dei “perdenti” degli scorsi anni.

Piccole imprese, grandi problemi

Scritto da Venerdì, 30 Agosto 2013 14:58

Che le banche europee siano ancora sovradimensionate non dovrebbe essere una sorpresa per gli investitori. Anche dopo la cura dimagrante da circa 2.400 miliardi di euro cui hanno sottoposto i bilanci dal 2011, continuano ad avere la base di asset più ampia del mondo, con un bilancio aggregato pari a circa 3,3 volte il Pil dell’Eurozona. Si può prevedere un’ulteriore contrazione nei prossimi anni, con le banche impegnate nel faticoso processo di ricapitalizzazione reso necessario dall’adeguamento alle regole più rigorose di Basilea III.

Occasione bond dopo il sell-off

Scritto da Lunedì, 29 Luglio 2013 16:59

I mercati obbligazionari hanno reagito con forti sell-off allannuncio del presidente della Fed, Ben Bernanke, del 22 maggio. Anche se credo ci possa essere un po di riduzione nel quantitative easing americano nel 2014, credo che i mercati abbiano sbagliato reazione non solo anticipando un tapering nel brevissimo periodo, ma anche prezzando un anticipo nellaumento dei tassi dalla seconda metà del 2015 allinizio del 2014.

Segnali poco incoraggianti dalle trimestrali europee

Scritto da Giovedì, 01 Agosto 2013 10:57

Nelle ultime settimane i mercati azionari sono stati alla mercè delle azioni e ancor più delle parole dei banchieri centrali. La parola “tapering” è stata inflazionata in relazione alla “forward guidance” della Federal Reserve sulla fine del Quantitative Easing. Con dati sull’occupazione chiaramente migliori rispetto alle attese e dati sulla disoccupazione in caduta, i mercati obbligazionari hanno iniziato a prezzare una riduzione delle politiche monetarie accomodanti. I banchieri centrali di UK ed Europa si sono accodati al partito della forward guidance e hanno affermato che la politica monetaria resterà molto accomodante per un lungo periodo, qualcosa che non sorprende affatto.

Testata registrata al tribunale di Milano, N. 40 del 14/02/2014
Direttore responsabile: Gabriele Petrucciani
Copyright © 2013 Brave Editori Srl - Tutti i diritti riservati

 

Chi siamo - Contatti - Privacy - Disclaimer - Condizioni