Martedi, 21 Agosto 2018
Loading feeds...

Custom Logo Design

Subscribe to this RSS feed INVESTIMENTI

INVESTIMENTI

 NEWS

La fiducia che i consulenti finanziari in Italia ripongono nella gestione attiva degli investimenti obbligazionari supera di gran lunga quella negli investimenti passivi. È quanto emerge dal recente sondaggio globale di MFS Investment Management sul sentiment nel comparto del reddito fisso.

In un contesto di mercato che vede i flussi di capitale di tutto il mondo dirigersi verso gli Stati Uniti, in concomitanza con un rallentamento sempre più atteso e visibile della crescita economica e mondiale, il Gruppo di lavoro Panel Strategist di AIAF – Associazione Italiana per l’Analisi Finanziaria – ha presentato il Portafoglio Ottimizzato per il terzo trimestre dell’anno.

L’indebolimento delle valute dei mercati emergenti da marzo è dovuto alla ripresa del dollaro. Tuttavia, questi mercati stanno ancora beneficiando della crescita sincronizzata dell'economia globale. Questo slancio offre una buona opportunità per tornare a investire in questa asset class. Il 2018 è iniziato bene per i mercati emergenti, fino al picco del 20 marzo.

Due mesi fa avevamo adottato un atteggiamento prudente nei confronti del mercato azionario, al fine di limitare la nostra esposizione, mentre si preparavano le condizioni per una guerra commerciale. Al di là di questa opzione tattica, la nostra opinione fondamentale in merito alle prospettive di crescita delle azioni nella zona euro restava positiva.

Sell-off debito emergente: ecco che cosa c'è alla base

Scritto da Mercoledì, 25 Luglio 2018 12:41

Come durante il taper tantrum del 2013, una causa del sell-off registrato nel debito dei mercati emergenti può essere individuata in un diverso indirizzo delle politiche degli Stati Uniti che ha alterato l’attrattività relativa degli asset del debito emergente. Nel 2013 si trattava del tapering del quantitative easing.

Nel corso dell’ultimo decennio, la sensibilità nei confronti dei criteri ESG ha visto una rapida crescita: gli investitori hanno infatti iniziato ad incorporare informazioni non finanziarie all’interno delle proprie analisi. Le società e le terze parti stanno rispondendo a questa tendenza, fornendo una crescente gamma di dati.

Testata registrata al tribunale di Milano, N. 40 del 14/02/2014
Direttore responsabile: Gabriele Petrucciani
Copyright © 2013 Brave Editori Srl - Tutti i diritti riservati

 

Chi siamo - Contatti - Privacy - Disclaimer - Condizioni