Venerdi, 20 Luglio 2018
Loading feeds...

Custom Logo Design

Sempre più denaro nei conti degli italiani (saldo medio 12.733 euro). Tutti i dati

Scritto da  Lunedì, 19 Febbraio 2018 15:53
Rate this item
(0 votes)

Nonostate i rendimenti ridotti al minimo, gli italiani tengono sempre più i loro risparmi sul conto corrente. A rivelaro è l'Osservatorio sui conti correnti e sui conti deposito elaborati da ConfrontaConti.it (Gruppo MutuiOnline) con i dati aggiornati al 31 gennaio 2018.

In questo primo periodo dell’anno, infatti, il saldo medio dei conti è cresciuto ancora rispetto all’ultimo semestre 2017, andando a segnare 12.733 euro, contro i 12.346 euro precedenti. Una crescita incessante che prosegue dal secondo semestre del 2016, quando lo stesso Osservatori, aveva rilevato un saldo medio attivo pari a 11.189 euro.
A testimoniare la crescita delle giacenze sui conti correnti c’è anche un altro dato, che riguarda proprio il saldo attivo dei conti effettuato ogni semestre. L’inizio del nuovo anno si apre con la fascia 5.000-10.000 euro e oltre che guadagna quasi un punto percentuale, assorbendo il 47,5% dell’intero campione rilevato nell’analisi del saldo attivo.
L’incidenza dei conti virtuali
In una lenta, ma inesorabile crescita che continua ormai fin dalle prime rilevazioni dell’Osservatorio risalenti al 2010, il canale online guadagna ancora punti e si conferma come quello più richiesto: il 52,9% del campione riguarda questo tipo di conto, mentre il 38,9% ha una gestione promiscua in filiale e online e solo l’8,2% delle richieste è per un conto corrente in filiale.
In termini di operatività, vale a dire la quantità di operazioni che si sceglie di includere a contratto, vince la modalità media, con un totale di 60 operazioni l’anno tra versamenti di denaro, prelievi e pagamenti. Per il 28,7% dei conti l’operatività richiesta è bassa (20 operazioni l’anno) e per il 24,0% è invece alta (150 operazioni). Solo il 2,0% richiede un programma personalizzato con la possibilità per l’utente di stabilire il numero e la tipologia di operazioni più consoni all’utilizzo del conto corrente.
Il correntista medio ha un’età media dai 26 ai 40 anni (39,2%), è del nord Italia (71,1%) e preferisce un conto online (il 52,9% del campione). La differenza in termini di spese fisse tra un conto gestito in filiale e uno online è di 51,3 euro per un conto tradizionale e di 5,3 euro per un conto online (solo il canone della carta di credito è di 6,7 euro in media per il primo tipo e di 1,8 euro per un conto online). In quanto a spese variabili, abbiamo invece 26,3 euro per un conto in filiale e 9,3 euro per uno digitale.

Read 962 times

Testata registrata al tribunale di Milano, N. 40 del 14/02/2014
Direttore responsabile: Gabriele Petrucciani
Copyright © 2013 Brave Editori Srl - Tutti i diritti riservati

 

Chi siamo - Contatti - Privacy - Disclaimer - Condizioni