Martedi, 21 Agosto 2018
Loading feeds...

Custom Logo Design

La volatilità colpisce duramente la Turchia

Scritto da  Giovedì, 02 Agosto 2018 16:34
Rate this item
(0 votes)

Il mercato azionario turco continua a registrare livelli elevati di volatilità, con la Borsa di Istanbul che perde l'8% in lire e il 13% in USD in soli due giorni dal 10 all'11 luglio. L'indice locale è diminuito del 14% in valuta locale e del 29% in USD dall'inizio dell'anno.

La volatilità è iniziata in aprile-maggio, principalmente in concomitanza con il downgrade da parte di Moody's e S&P del rating sul credito sovrano in valuta estera della Turchia, l'annuncio di elezioni anticipate e il rapido deterioramento delle prospettive di inflazione. Gli aumenti dei tassi cumulativi di 500 punti base della banca centrale al 17,75% hanno calmato la lira e il mercato azionario fino a questa settimana, quando il presidente Erdogan ha annunciato il suo nuovo gabinetto dei ministri.
La nomina del genero di Erdogan come ministro delle finanze, un nuovo decreto che riaccende i dibattiti sull'indipendenza della banca centrale e la percezione da parte degli investitori della "mancanza di un funzionario favorevole al mercato" nella squadra della nuova economia, in particolare la partenza dell'ex ministro Mehmet Simsek, hanno tutti contribuito al declino nel corso della settimana. Nel complesso, il sentiment negativo nei confronti dei mercati emergenti a livello globale non ha di certo aiutato. A nostro avviso, la forte reazione del mercato è la conseguenza della crescente preoccupazione mostrata da alcuni importanti investitori globali sulla gestione dell’economia e a seguito dell’annuncio del nuovo gabinetto dei ministri. In termini di fondamentali economici, la situazione è più dura di quanto non sia mai stata negli ultimi 15 anni.
L’inflazione ha raggiunto il 15,4% in giugno, la più alta negli ultimi 15 anni, e prevediamo un continuo aumento per i prossimi mesi. Il disavanzo delle partite correnti, storicamente il punto più debole dell’economia, finanziato anche quando era a livelli più alti, è ora vicino al 6% del PIL. Il debito estero si è accumulato, in quanto gran parte del disavanzo è stato storicamente finanziato dai prestiti in valuta estera, rendendo la Turchia ad essere molto dipendente dai finanziamenti esteri.
I prestiti non performanti (NPL) sono bassi, solo al 2,9%, ma aumenteranno con la crescita dei debiti ristrutturati, specialmente nel settore energetico. La cosa peggiore è che è una dinamica che si auto alimenta: i fondamentali portano al deprezzamento della lira, che a sua volta alimenta l’inflazione a causa dei crescenti prezzi delle importazioni, richiamando la necessità di una maggiore azione di politica monetaria e danneggia la fiducia dei consumatori fino a ridurre l’attività economica da livelli molto elevati del 7,4% sia nel 2017 che nel primo trimestre del 2018.
Andando avanti, non pensiamo che si tratti di una strada a senso unico, soprattutto dati i tassi di interesse locali storicamente alti, che potrebbero alla fine attirare gli investitori, se e quando le cose si calmeranno. La banca centrale deve mantenere tesa la propria politica monetaria e forse stringere ancora di più fino a quando l'inflazione non inizierà a rallentare. L'economia probabilmente si attenuerà come una risposta a tassi più alti, vale a dire meno domanda di credito e perdita di fiducia dei consumatori. Un deficit delle partite correnti elevato non è sostenibile a tassi ufficiali di 4-5 punti base al mese, quindi dovrebbe anche scendere - implicando un'attività economica ancora più lenta. Un coniglio fuori dal cappello avrebbe potuto essere un'espansione fiscale, ma non farebbe altro che peggiorare il sentimento dato che è già successo nel 2017 (ad esempio, il Fondo di garanzia del credito) e finora nel 2018, in parte a causa del periodo elettorale.
Tutto sommato, il mercato sembra essere in procinto di aver prezzato queste mutate condizioni, con la recente volatilità che riflette alcuni degli scenari peggiori. Ma riteniamo che la verità possa essere in qualche modo nel mezzo se la situazione viene sapientemente gestita andando avanti. Nel complesso, il mercato ora negozia uno sconto del 47% rispetto ai peers emergenti - il livello più alto in un decennio. Abbiamo ridotto gli investimenti in società che hanno un elevato debito in valuta estera senza i corrispondenti ricavi e in società che hanno tendenze in inversione.
Date le sfide anticipate, ci stiamo dirigendo verso un assetto più sicuro e di qualità, soprattutto in momenti in cui il mercato offre livelli di prezzo molto interessanti. Siamo consapevoli che alcuni titoli potrebbero effettivamente essere "coltelli che cadono" in momenti di estrema volatilità, ma crediamo che alcuni dei migliori investimenti possano essere fatti anche in momenti come questi.

                                                           di Emre Akcakmak, Membro del team di gestione di East Capital

Read 252 times Last modified on Venerdì, 03 Agosto 2018 12:16

Testata registrata al tribunale di Milano, N. 40 del 14/02/2014
Direttore responsabile: Gabriele Petrucciani
Copyright © 2013 Brave Editori Srl - Tutti i diritti riservati

 

Chi siamo - Contatti - Privacy - Disclaimer - Condizioni