Domenica, 23 Settembre 2018
Loading feeds...

Custom Logo Design

L’Italia rappresenta il rischio principale per l’Eurozona, che è entrata in un’area pericolosa

Scritto da  Venerdì, 06 Luglio 2018 12:51
Rate this item
(0 votes)

“Il rendimento dei titoli decennali italiani è pari a circa il 3%, ossia il doppio della nostra migliore stima di tasso massimo sostenibile, pari all’1,5%. Siccome nell’Eurozona il tasso massimo sostenibile privo di rischio è definito proprio dall'Italia, ne deriva che la regione sta entrando in un’area pericolosa”.

È l’analisi di Yves Longhcamp, Head of Research di ETHENEA Independent Investors. La questione è fino a dove possano giungere i tassi d'interesse senza che il debito pubblico ne sia minacciato. Il debito è sostenibile fintanto che i rendimenti degli investimenti in dollari sono maggiori del costo del debito pagato in dollari.
Il rendimento di un governo può essere grosso modo equiparato alla crescita del Pil e i costi sono i pagamenti dei tassi d'interesse sul debito pubblico. Se i pagamenti degli interessi sono superiori alla crescita, il rendimento sociale non è sufficiente a coprire i costi di finanziamento, rendendo l'operazione insostenibile.
“Il tasso d'interesse massimo sostenibile che un governo può permettersi dipende da crescita, inflazione e indebitamento”, spiega Longchamp. “Nei nostri calcoli basati sui dati Ocse, i tassi d'interesse massimi sostenibili si attestano tra il 4,8% e il 6,1% per la Germania, tra il 3,3% e il 4,0% per gli Stati Uniti, tra lo 0,6% e l'1,5% per l'Italia e tra lo 0,1% e lo 0,3% per il Giappone”.
In questo contesto, movimenti dei tassi d'interesse tanto al rialzo quanto al ribasso sono limitati. Per le banche centrali, il limite inferiore è generalmente lo 0%, mentre per i governi il limite superiore varia dallo 0% in Giappone al 4% negli Stati Uniti. Nell'Eurozona, nel migliore dei casi tale cifra si attesta all'1,5%, giacché il tasso massimo sostenibile privo di rischio non è definito dalla Germania bensì dall'Italia, che rappresenta il rischio principale per l'intera regione.
“Il fatto che il rendimento dei titoli decennali italiani sia il doppio della nostra migliore stima di tasso massimo sostenibile, non solo indica che l'Italia è sottoposta a pressioni, ma che l'Eurozona nel suo insieme è entrata in un'area pericolosa”, conclude Longchamp. “È tuttavia troppo presto per concludere che è cominciata una seconda crisi dell'euro”.

Read 210 times Last modified on Venerdì, 06 Luglio 2018 12:57

Testata registrata al tribunale di Milano, N. 40 del 14/02/2014
Direttore responsabile: Gabriele Petrucciani
Copyright © 2013 Brave Editori Srl - Tutti i diritti riservati

 

Chi siamo - Contatti - Privacy - Disclaimer - Condizioni